Perché non dare una chance al Governo Italiano?

Dati gli scarsi risultati delle politiche economiche populiste, è comprensibile che il primo istinto della Commissione europea sia quello di adottare una linea dura contro il bilancio 2019 proposto dal governo italiano. Ma così facendo, però, condanna l’Italia alla continua stagnazione economica e rischia una crisi politica molto più grave.

Bill Emmott, già direttore del settimanale The Economist ed attento osservatore della politica italiana, ha recentemente scritto su  Project-Syndicate che in Europa quasi nessuno ha una buona parola da dire sulla coalizione di governo dell’Italia, che comprende il Movimento (M5S) e il Partito della Lega. L’unico disaccordo è tra chi vuole penalizzare immediatamente l’Italia per aver sfidato le regole di bilancio dell’eurozona e chi è disposto a ritardare la punizione, o almeno ad amministrarla più lentamente. Ma ecco un’idea: perché non evitare del tutto la punizione e dare una possibilità al governo italiano?

Secondo Bill Emmott, il motivo non è che la coalizione sia particolarmente simpatica. Non lo è.  Il M5S si sforza di insultare e minacciare i giornalisti critici, e la Lega scredita gli immigrati e i governi locali che mostrano ospitalità verso i richiedenti asilo che hanno rischiato la vita attraversando il Mediterraneo.

Tuttavia, ci sono buone ragioni per attendere prima di formulare un giudizio sul governo. Dopo tutto, è ancora molto nuovo, è popolare a livello nazionale, è in grado di fare del bene e sta sfidando regole che dovevano essere comunque riformate.

Sì, la coalizione M5S/Lega è rumorosa e talvolta esecrabile. Sotto la guida de facto di Matteo Salvini, il ministro degli Interni della Lega, ha il potere di infastidire sia i critici nazionali che quelli stranieri, ogni giorno. Ma se già si ha l’impressione che i populisti italiani siano in giro da sempre, vale la pena ricordare che il loro governo ha appena sei mesi.

Ma per Bill Emmott nessun governo dovrebbe essere giudicato così rapidamente a meno che le sue azioni (non solo le sue parole) siano così sconsiderate da mettere a repentaglio la costituzione, la sicurezza o la stabilità del Paese. La coalizione M5S/Lega non l’ha ancora fatto. Ciò che ha fatto è stato proporre un bilancio annuale che comporta un deficit del 2,4% del PIL nel 2019 – circa tre volte superiore al deficit proposto dal precedente governo, ma difficilmente considerabile enorme per gli standard internazionali.

Come previsto, la proposta di bilancio ha irritato alla Commissione Europea, che potrebbe aprire la sua prima “procedura per i disavanzi eccessivi” contro uno Stato membro. Ma il governo propone soprattutto un aumento della spesa pubblica e tagli fiscali per mantenere le promesse dei suoi membri. Tali misure possono rivelarsi dispendiose o inefficaci, ma non raggiungono il livello di imprudenza.

Inoltre, a differenza di molti nuovi governi, la popolarità della coalizione M5S/Lega è cresciuta da quando è salita al potere. Insieme, i due partiti hanno un sostegno superiore al 60% degli elettori italiani. Questo può non durare, ma non può essere ignorato.

E mentre una parte della popolarità della coalizione è dovuta al sostegno a posizioni politiche poco attraenti – in particolare, la posizione anti-immigranti dei partiti al potere e il confronto con l’UE – essa riflette anche il desiderio degli elettori di uno stato sociale modernizzato. Un’interpretazione caritatevole dell’intento della coalizione è che sta perseguendo un sistema modellato sulle efficaci misure di “flessicurezza” sperimentate con successo dalla Danimarca. (e, naturalmente, gli sgravi fiscali e gli aumenti delle pensioni non vanno mai a scapito degli elettori).

Per essere sicuri, il “reddito di cittadinanza” proposto da M5S sarà diabolicamente difficile da implementare. L’idea è quella di fornire un pagamento mensile di 780 euro  a coloro che sono attivamente alla ricerca di un lavoro, e di registrare e guidare i destinatari attraverso i centri di collocamento locali (come nel modello danese). Il problema è che la pubblica amministrazione locale italiana è notoriamente inefficace, soprattutto nel sud, dove la disoccupazione è più alta.

Eppure, anche se ci sono buone ragioni per essere scettici sul piano, è comunque un passo nella giusta direzione. Ci vorrà forse un decennio per verificarne la fattibilità e ottimizzarne l’attuazione. Ma è giunto il momento che un governo italiano abbia almeno avviato il processo.

Il bilancio del governo nel suo complesso dovrebbe essere visto con lo stesso spirito. Gli economisti indipendenti hanno sicuramente ragione nel dire che non darà la spinta alla crescita promessa dalla coalizione. Anche se il bilancio fornisse un’ampia spolverata di liquidità, ciò non equivale a uno sforzo di stimolo ben mirato.

Piuttosto che rischiare una crisi su larga scala bloccando il bilancio 2019 dell’Italia, la Commissione europea farebbe meglio a spingere per riforme strutturali più mirate nel 2020, dopo che i partiti della coalizione avranno mantenuto le promesse della campagna elettorale. Mentre un aumento dei tassi d’interesse sul debito pubblico italiano e un confronto con l’UE potrebbe portare alla recessione e persino al disastro – se questo dovesse comportare la minaccia di una “uscita dall’euro dall’Italia” – un approccio più accomodante potrebbe prevenire il peggio.

Bill Emmott osserva che tra le principali debolezze economiche dell’Italia ci sono i livelli storicamente bassi di investimenti pubblici e le sue infrastrutture scricchiolanti, come dimostra il tragico crollo del ponte Morandi a Genova lo scorso agosto. Purtroppo, la coalizione è attualmente divisa sulla spesa infrastrutturale. Mentre la Lega ha insistito per avere più treni ad alta velocità e nuove strade, alcuni in M5S rimangono in balia di un’ideologia anticapitalista e anti-sviluppo. Questa impasse deve essere spezzata, o all’interno della coalizione o attraverso nuove elezioni nel 2019, se necessario.

Nel frattempo, gli altri 18 Stati membri della zona euro dovrebbero valutare se il “fiscal compact” del 2012, che hanno forgiato nel bel mezzo della crisi del debito sovrano dell’euro, debba essere aggiornato. Mario Monti, all’epoca primo ministro italiano, ha insistito a lungo affinché gli investimenti di capitale fossero trattati diversamente dalle spese correnti, in modo che paesi come l’Italia possano ancora perseguire la spesa infrastrutturale di cui c’è disperatamente bisogno.

Il consiglio di Monti dovrebbe essere seguito. E mentre i governi dell’Eurozona stanno discutendo la questione, farebbero bene a lasciare un po’ di slancio al governo italiano. Un altro ex primo ministro italiano, Romano Prodi, ha definito “stupido” il Patto di stabilità. Forzare un confronto con il governo più populista – e popolare – della zona euro in nome di regole superate ed eccessivamente rigide sarebbe davvero stupido.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*