COVID-19 le false notizie

All'Oxford Internet Institute, un gruppo di ricercatori sta seguendo l'inondazione su larga scala e multipiattaforma della disinformazione COVID-19

In questo lungo periodo di pandemia, in maniera incontrollata attraverso alcuni media, comprese le televisioni pubbliche e private, i social network, twitter e quant’altro, si sta diffondendo molta disinformazione sull’origine, le proporzioni del contagio, le cure per la malattia, ecc., contribuendo a generare panico sulla base di informazioni non verificate.

 

Medici, virologi, bioinformatici ed epidemiologi di tutto il mondo continuano ad informare per combattere l’epidemia e contenere la sua diffusione. Tutto questo però non favorisce la serenità della popolazione che cerca delle risposte concrete e immediate a molte domande che non trovano risposte certe e attendibili. Il dibattito tra la gente è incessante. Alcuni si chiedono:   “Credete che il coronavirus sia stato sviluppato da un governo per indebolire i suoi rivali stranieri? O che sia stato creato per fomentare una rivoluzione?”.  Purtroppo, troppe persone che hanno incontrato tale disinformazione online l’hanno condivisa con i loro amici e familiari.

Ciò nonostante, stiamo imparando di più su chi produce notizie false sulla pandemia e anche su come fermare la circolazione di queste false notizie. Oltre agli operatori sanitari che rischiano la propria vita e agli scienziati che lavorano sulle cure e sul vaccino, anche un altro ramo della risposta COVID-19 merita un riconoscimento. Negli ultimi anni, i fact checkers del mondo hanno sviluppato una capacità di individuare ed etichettare le bugie che circolano nella sfera pubblica. Ora, hanno rivolto la loro attenzione alle notizie spazzatura sulla crisi di COVID-19, aiutando le piattaforme dei social-media a muoversi più rapidamente per dissipare e scoraggiare voci, disinformazione e teorie di cospirazione.

 

All’Oxford Internet Institute, un gruppo di ricercatori sta seguendo l’inondazione su larga scala della disinformazione COVID-19 prodotta dai regimi autoritari. I canali di informazione sostenuti dallo Stato in Cina, Iran, Russia e Turchia hanno un pubblico globale considerevole, e teoricamente potrebbero raggiungere un miliardo di account di social-media con contenuti in lingua inglese. Anche se alcuni di questi account sono falsi, i contenuti vengono condivisi su reti di decine di milioni di utenti reali.

 

I punti di disinformazione tendono a produrre meno contenuti di quanto non facciano i notiziari indipendenti e professionali, ma possono attrarre fino a dieci volte l’effettivo impegno con il materiale che producono. A differenza degli editori più responsabili, essi politicizzano attivamente le notizie e le informazioni sulla salute per attingere a paure e frustrazioni preesistenti. Criticando le democrazie come corrotte e incompetenti, elogiando la leadership globale dei leader autoritari e promuovendo teorie cospirative sulle origini del coronavirus e le motivazioni delle agenzie sanitarie internazionali, stanno cercando di plasmare – o almeno di confondere – la narrazione globale il più possibile.

 

Naturalmente, narrazioni altrettanto distraenti provengono anche dalle democrazie del mondo. Negli Stati Uniti, l’amministrazione Trump ha sottolineato il fatto che il virus ha avuto origine a Wuhan, in Cina – un punto che è in gran parte irrilevante per trovare una cura o organizzare una risposta sanitaria pubblica. L’unico motivo per fissarsi sulla connessione con  Wuhan è quello di politicizzare la crisi o di promuovere stereotipi sull’etnia cinese.

 

Questa è la cattiva notizia. La buona notizia è che ora si sa da dove viene la disinformazione. Analizzando un ampio campione di menzogne COVID-19 relative alla salute, si è scoperto che una su cinque può essere fornita a politici, celebrità e personaggi pubblici di spicco, e che un’enorme parte della disinformazione è spinta da agenzie mediatiche controllate da governi autoritari.

 

Dalla ricerca inglese si sa anche che la risposta civica è stata aggressiva. Una comunità globale di verificatori che si è riunita dopo il dibattito di Brexit nel Regno Unito e le elezioni presidenziali americane del 2016.  La loro attività si è rapidamente concentrata sulla verifica delle informazioni sanitarie. Mentre i volontari nel Regno Unito seguono la disinformazione attraverso il progetto Infotagion, le loro controparti americane stanno sviluppando un database di siti di test COVID-19 legittimi. Con molte organizzazioni credibili che catalogano le menzogne, tra gennaio e marzo di quest’anno si è registrato un aumento di nove volte dei controlli sui dati sanitari.

 

A differenza del 2016, le piattaforme dei social media stanno rispondendo. La maggior parte dei post dei social-media che i controllori dei fatti hanno ritenuto falsi sono stati rimossi o contrassegnati con un’etichetta di avvertimento. Ma la risposta è stata molto diversa nelle principali piattaforme. Secondo uno studio del Reuters Institute dell’Università di Oxford, il 59% dei post di Twitter classificati come falsi rimangono in crescita, contro il 27% dei post falsi su YouTube e il 24% su Facebook.agencies controllati da governi autoritari.

 

Per il singolo utente, la linee guida per l’igiene del flusso di notizie rimane la stessa. I suggerimenti dei ricercatori non mancano: ” Non inoltrate e non condividete informazioni, a meno che non abbiate passato un po’ di tempo a ispezionare la fonte e a controllare se ci sono stati reclami. Anche con amici e familiari, condividete solo notizie che sapete essere reali, ed evitate contenuti sensazionalistici, cospiratoriali o commenti che si propongono come notizie.

Dovreste anche diversificare le vostre fonti di informazione ed evitare alcuni commenti politici. Dovremmo essere tutti consapevoli dell’effetto di panico che deriva dal costante consumo di notizie COVID-19. Un’ansia eccessiva ci può spingere alla ricerca di spiegazioni nascoste e speculative, che saremo poi più propensi a condividere. È meglio controllare una sola volta al giorno gli aggiornamenti di alcune fonti autorevoli”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*