Economia europea in profonda crisi

... GLI INDICATORI DEI CONSUMI SONO "IN CADUTA LIBERA", IL MERCATO DEL LAVORO È "PROFONDAMENTE PEGGIORATO", IL CALO È VISIBILE "NEL SETTORE MANIFATTURIERO MA ANCHE IN QUELLO DEI SERVIZI"...

L’epidemia di coronavirus non ha colpito solo l’economia italiana, ma anche i paesi virtuosi europei sono in piena crisi con un futuro molto incerto che preoccupa la BCE, la banca centrale europea. 

La Presidente della Banca centrale europea  l’ avvocatessa Christine Lagarde è ormai certa che  la situazione dell’economia europea è catastrofica e si è dichiarata pronta ad aumentare il suo piano di sostegno.

Christine Lagarde, esaminando una serie di indicatori economici prevede  nel 2020 una recessione “tra -5% e -12%” per la zona euro . In una recente video conferenza ha spiegato che  “la contrazione è di un’ampiezza e una velocità senza precedenti”.

Tutti i segnali sono rossi. Inizialmente, “solo alcuni settori sono stati gravemente colpiti”, ha osservato il Presidente della BCE. Si parlava di turismo, di trasporti, di divertimento… E poi, gradualmente, interi settori dell’economia sono stati semplicemente chiusi. Questo è appena iniziato a comparire nelle statistiche, con i primi dati del primo trimestre.

Per il resto, gli indicatori dei consumi sono “in caduta libera”, il mercato del lavoro è “profondamente peggiorato”, il calo è visibile “nel settore manifatturiero ma anche in quello dei servizi”… In Germania, Christine Lagarde – che parlava in una sala stampa vuota – ha fatto notare che 718.000 aziende ricorrono al lavoro a orario ridotto. In Francia sono interessate 425.000 aziende, che coprono più di 10 milioni di dipendenti. In Italia, 6 milioni di dipendenti si trovano nella stessa situazione.

Il Presidente della BCE ha aggiunto di navigare in una profonda nebbia e non sa cosa aspettarsi per l’economia europea. Ha poi aggiunto :” …quanto dureranno questi confinamenti? L’epidemia di coronavirus sarà controllata? Riapriranno i ristoranti e gli hotel e quando? I consumatori avranno il coraggio di tornare? “Questo rende estremamente difficile il nostro lavoro di previsione dell’economia”.

L’incertezza è la stessa per quanto riguarda l’inflazione, stimata da Eurostat allo 0,4% in aprile nell’area dell’euro, contro l’1,7% di un anno prima. A prima vista, quindi, la zona euro sembra essere sull’orlo della deflazione. Ma dietro questa statistica si nasconde una realtà molto diversa. Da un lato, i prezzi dell’energia stanno crollando, riflettendo un mercato petrolifero che è imploso nelle ultime settimane. D’altra parte, i prezzi dei prodotti alimentari sono in rialzo (+3,6%), in particolare per i prodotti freschi (“alimenti non trasformati”), che sono in rialzo del +7,7%.

In queste condizioni catastrofiche, l’istituzione di Francoforte non ha preso misure importanti, ma ha dimostrato la sua determinazione a continuare a sostenere l’economia europea. A marzo aveva annunciato con urgenza un “piano pandemico” per l’acquisto di 750 miliardi di euro di debito pubblico entro la fine dell’anno.

In questo contesto, spende circa 5 miliardi di euro al giorno. Di questo passo, il piano pandemico sarà esaurito in autunno. La BCE ha quindi voluto rassicurare i mercati, affermando di essere “abbastanza pronta ad aumentare le dimensioni [del piano pandemico] e ad adeguarne la composizione, per tutto il tempo necessario”.

Con questo intervento di  Christine Lagarde nella video conferenza, secondo  Marchel Alexandrovich, economista della Banca Jefferies, la BCE ha segnato una pausa. Questo era previsto, poiché l’annuncio del piano pandemico a marzo ha contribuito a calmare i mercati. I mercati si aspettano ora ulteriori misure di ampia portata per la riunione di giugno, possibilmente con un aumento del piano pandemico a 1.000 miliardi di euro o più. A quel punto, l’entità delle conseguenze economiche potrebbe essere un po’ più chiara.

Questo dà agli Stati europei il tempo di agire. Questi ultimi non sono ancora d’accordo sulla possibilità di mettere in comune parte dei loro debiti, magari con la creazione di un fondo comune speciale. “Una politica ambiziosa e coordinata è essenziale”, ha detto la Lagarde, invitando gli Stati membri ad andare “oltre”. Dopo l’intervento decisivo della BCE il mese scorso, la palla è ora alla corte dei governi europei.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*