COVID-19 in Africa…

Il successo dell’Etiopia nel combattere il coronavirus dimostra come i Paesi africani possano affrontare la pandemia in modo efficace nonostante le ristrettezze delle risorse.

Con sorpresa di molti, i governi africani hanno risposto con rapidità e coraggio alla crisi del COVID-19

L’approccio non convenzionale dell’Etiopia, ad esempio, riflette le limitate risorse finanziarie e umane del Paese, nonché il basso livello di sostegno internazionale disponibile. Nonostante questi gravi vincoli, i risultati finora sono stati migliori di quanto ci si aspettasse.

Fin dall’inizio, il governo del primo ministro Abiy Ahmed ha capito che il successo dell’Etiopia nel combattere il COVID-19 non dipendeva dal numero di respiratori che aveva, ma dalle misure di salute pubblica adottate per contenere la diffusione del virus. Il suo governo voleva anche prevenire gravi danni a una delle economie africane in più rapida crescita, che si è espansa ad un tasso medio annuo del 10,5% nel 2004-18, ma che rimane vulnerabile. Salvaguardare questi guadagni, prevenire la perdita di posti di lavoro e garantire la sopravvivenza delle aziende è stato fondamentale.

Così, invece di attuare un blocco nazionale come la maggior parte degli altri governi, anche in Africa, l’Etiopia ha avviato altre misure essenziali a gennaio, ben prima della maggior parte dei paesi sviluppati. Il governo ha poi intensificato la sua risposta a metà marzo, quando il primo caso COVID-19 è stato segnalato nel Paese, e ha dichiarato lo stato di emergenza solo l’8 aprile. Inoltre, ha incoraggiato la produzione e altre attività economiche a proseguire durante la crisi, allentando così notevolmente la pressione sui gruppi sociali vulnerabili e sul settore informale.

I risultati finora ottenuti sono positivi, anche c’è il timore che il peggio debba ancora venire. Al 26 maggio l’Etiopia – con una popolazione di 109 milioni di abitanti – aveva registrato solo 701 casi e sei decessi. Ciò rappresenta un tasso di infezione dello 0,8% della popolazione testata, di cui l’80% ha un’età compresa tra i 24 e i 44 anni.

La rapida risposta iniziale del governo è stata fondamentale. A gennaio, ha introdotto rigidi protocolli di screening dei passeggeri presso l’aeroporto internazionale di Addis Abeba, il più grande hub aeronautico dell’Africa orientale. Il Ministero della Sanità e i governi locali e regionali hanno condotto insieme screening casa per casa di più di 11 milioni di famiglie con 40 milioni di persone nella capitale e nelle province. E i test diagnostici sono stati portati da zero all’inizio di marzo a oltre 5.000 test al giorno fino a maggio, anche se continuano a rappresentare una grande sfida.

La sensibilizzazione e l’educazione del pubblico sono state fondamentali per lo sforzo del governo. Il primo ministro fa regolari annunci pubblici riguardo al COVID-19, mentre il ministro della salute fornisce briefing giornalieri. E, nell’ambito di una campagna mediatica concertata per raggiungere tutti i cittadini, il monopolio statale delle telecomunicazioni Ethio Telecom utilizza le suonerie dei cellulari per ricordare alla gente l’importanza di misure igieniche come il lavaggio delle mani, l’allontanamento sociale e l’uso di maschere facciali. Questa piattaforma ha mostrato effetti positivi.

Inoltre, da febbraio, le autorità etiopi hanno attuato un rigoroso regime di rigorosa rintracciabilità dei contatti, isolamento, quarantena obbligatoria e trattamento. Il governo ha convertito i dormitori delle università pubbliche per aumentare la capacità dei centri di quarantena a oltre 50.000 posti letto, ha istituito ulteriori centri di isolamento per un totale di 15.000 posti letto e ha istituito centri di trattamento con una capacità di 5.000 posti letto. Ha anche introdotto una copertura assicurativa sulla vita più completa per proteggere gli operatori sanitari in prima linea.

Mentre molte economie avanzate ed emergenti hanno previsto enormi piani di stimolo economico e di salvataggio, il governo etiope è stato limitato dal calo delle entrate e dalla necessità di riassegnare le spese di bilancio per contenere la pandemia. Non può piacere a tutti, e quindi ha dovuto dare priorità alle sue modeste risorse.

Innanzitutto, i governi africani devono riconoscere che stanno affrontando non solo un’emergenza sanitaria pubblica, ma anche una crisi multidimensionale con implicazioni a lungo termine. Le prescrizioni di politica standard, quindi, non funzioneranno. Affrontare la crisi richiede non solo risposte da parte dei governi locali e nazionali che tengano conto del contesto unico di ciascun Paese, ma anche un’azione unitaria a livello regionale e internazionale.

In secondo luogo, il governo etiope ha fatto grande affidamento sulla mobilitazione della comunità e sulle campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, che si sono dimostrate efficaci ed efficienti in termini di costi. Ha anche fatto affidamento sulle infrastrutture sanitarie primarie di base del Paese, basate sulla prevenzione, e sul sistema di estensione della sanità che è stato costruito negli ultimi due decenni.

In terzo luogo, il governo ha garantito una risposta coerente, massimizzando il coordinamento tra le agenzie pubbliche a diversi livelli. Si è anche impegnato in un dialogo con il settore privato per trovare soluzioni praticabili quando i marchi globali e gli acquirenti hanno abbandonato i loro fornitori nei paesi in via di sviluppo.

In quarto luogo, i paesi africani, che dispongono di risorse limitate, non possono fornire sostegno governativo e caritatevole a tutti i gruppi e le imprese. I governi devono dare priorità e indirizzare le loro limitate risorse alle aziende e legare tale sostegno a criteri di performance per incentivare obiettivi sociali vitali come il mantenimento dell’occupazione. Imparare ciò che funziona e ciò che non funziona in questo senso è stato un catalizzatore vitale nella risposta dell’Etiopia.

Infine, è troppo presto per giudicare la risposta pandemica dell’Etiopia e di altri Paesi africani, perché i governi devono ancora aumentare i loro sforzi per affrontare l’inevitabile fase di “impennata” della crisi. Ma una lezione è già chiara: le strategie COVID-19 dei governi africani devono riflettere il contesto locale, la natura evolutiva della pandemia, le limitazioni vincolanti delle risorse e la debole collaborazione internazionale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*