COVID-19 Il Virus nelle elezioni americane

Le votazioni si svolgono in condizioni difficili come quelle che si verificano al di fuori del tempo di guerra: la pandemia, il conseguente crollo dell'economia statunitense e la perdita di 22 milioni di posti di lavoro,

La pandemia che il presidente americano Donald Trump ha gestito in modo così disastroso – oltre 200.000 morti di COVID-19 sono attesi negli Stati Uniti entro il giorno delle elezioni – sta convincendo un numero senza precedenti di elettori a votare per posta piuttosto che esporsi alle urne. Ciò significa che Trump o il suo sfidante democratico, Joe Biden, potrebbero “vincere” uno Stato il 3 novembre, solo per far cambiare il risultato quando tutti i voti per corrispondenza saranno contati. La probabilità di risultati controversi, soprattutto se un Trump arrabbiato non ha chiaramente vinto – potrebbe rendere una delle elezioni più conseguenti nella storia degli Stati Uniti la più caotica.

Non sorprende che Trump stia contribuendo al clima febbrile di incertezza, minando deliberatamente la fiducia nelle schede elettorali. Ha regolarmente previsto che le elezioni saranno “truccate” – cioè se perde. Eppure non c’è quasi nessuna registrazione di voti rubati a seguito di votazioni per corrispondenza.

Le votazioni si svolgono in condizioni difficili come quelle che si verificano al di fuori del tempo di guerra: la pandemia, il conseguente crollo dell’economia statunitense e la perdita di 22 milioni di posti di lavoro, con scarso motivo di ottimismo sul fatto che la maggior parte di essi ritornerà. Gli incendi record che inghiottono la costa occidentale si aggiungono all’atmosfera di forte tensione. Le grandi manifestazioni contro la brutalità della polizia nei confronti dei neri americani sono state viste una volta come un vantaggio per i democratici. Ora che le manifestazioni si trasformano spesso – o abbastanza spesso – in violenza, minacciano di lavorare in favore di Trump.

Infatti, Kellyanne Conway, allora consigliere presidenziale, ha detto ad alta voce che la violenza è un bene per Trump. Finora, però, il suo tentativo di organizzare una campagna “legge e ordine” sembra essere fallito.

La recente strategia di Trump è stata quella di cercare di spaventare le donne dei sobborghi – un gruppo che deve vincere – con fischi di cani razzisti sul sostegno democratico a favore di alloggi a prezzi accessibili, implicando che Biden avrebbe portato criminalità e violenza nei loro quartieri. Finora, anche questa mossa non ha avuto successo.

L’efficacia del presidente Biden dipende in larga misura dal fatto che i Democratici, che già controllano la Camera dei Rappresentanti, possano prendere il controllo anche del Senato. Per farlo, hanno bisogno di un guadagno netto di tre posti. Con Biden in testa nei sondaggi d’opinione nazionali e forti candidati al Senato, un’acquisizione democratica sembra possibile.

I Democratici hanno promosso Biden come l’uomo onesto e razionale che, a differenza di Trump, non alimenta l’animosità razziale e cerca di non dividere il Paese.

La scelta di Biden di scegliere il senatore statunitense Kamala Harris – figlia di madre indiana e padre giamaicano – come compagno di corsa era popolare all’interno del partito. Le sue convinzioni fondamentali rimangono essenzialmente sconosciute, ma scegliendo Harris, Biden ha mantenuto l’impegno preso in primavera, quando la sua candidatura era in difficoltà, di scegliere una donna come vicepresidente. I tempi richiedevano che scegliesse una persona di colore, e il partito conta su di lei per portare energia alla candidatura.

Secondo alcuni  sondaggi di Stato, presumibilmente più affidabili di quelli di quattro anni fa, Biden è in testa in un numero di stati “altalenanti” sufficiente a vincere i 270 voti del collegio elettorale di cui il vincitore ha bisogno. Ma molti democratici rimangono traumatizzati dalla vittoria di Trump al collegio elettorale nel 2016, quando alcune  preferenze raggiunte all’ultimo momento in tre stati – Michigan, Wisconsin e Pennsylvania – lo hanno messo in testa, nonostante abbia perso il voto popolare con un ampio margine. Il vantaggio di Biden in diversi stati in via di sviluppo è limitato, quindi i timori dei Democratici sono ancora più forti, il che potrebbe spiegare la decisione di Michael Bloomberg di impegnare 100 milioni di dollari per aiutare Biden a vincere nel grande stato della Florida.

nella sua  arroganza e vanità, senza limiti, Trump ha anche commesso l’errore di pensare di poter incantare l’implacabile giornalista americano  Bob Woodwardr dipingendo  la sua mediocre  presidenza come un trionfo. Il nuovo libro di Woodward rivela invece che Trump sapeva fin dall’inizio quanto fosse pericoloso COVID-19 e ne ha negato pubblicamente  i rischi. Ma Trump non cambia mai; la sua autocommiserazione è quasi uguale alla sua vanagloria. Cosi la sua protesta contro l’attacco giornalistico di Woodward, è diventato per lui un nuovo argomento per sostenere che egli non solo merita la rielezione, ma anche un terzo mandato, ptoptio per il modo in cui è stato trattato dalla Stampa.

Ora, con la pandemia in procinto di coincidere con la stagione influenzale, COVID-19 diventerà ancora più una minaccia. Trump non sembra ancora aver capito che non riuscirà a far entrare il virus in letargo se i ristoranti riapriranno i ristoranti, gli studenti torneranno a scuola e si giocheranno sport universitari o professionali. E la determinazione di Trump di poter annunciare lo sviluppo di un vaccino entro il giorno delle elezioni è così ovvia che qualsiasi vaccino approvato per allora sarà sospetto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*