Il nuovo Presidente degli Stati Uniti e la difficile eredità di Trump

...si prepara a entrare nella Sala Ovale da Presidente degli Stati Uniti. Dovrà prendere il comando di un'America divisa, polarizzata a livello istituzionale e sociale dopo quattro anni di presidenza Trump, un Paese in preda alla pandemia da coronavirus e ai timori per le conseguenze sull'economia.

Joe Biden, il 46esimo Presidente degli  Stati Uniti e la sua vice Kamala Harris con i loro 75 milioni di voti è il ticket  più votato della storia americana. A 77 anni, il “migliore vicepresidente che l’America abbia mai avuto” (secondo Barack Obama) si prepara a entrare nella Sala Ovale da Presidente degli Stati Uniti. Dovrà prendere il comando di un’America divisa, polarizzata a livello istituzionale e sociale dopo quattro anni di presidenza Trump, un Paese in preda alla pandemia da coronavirus e ai timori per le conseguenze sull’economia. 

Biden non avrà facile cammino da presidente. Il voto – e soprattutto la valanga di voti comunque ottenuti da Donald Trump – ha dimostrato una estrema polarizzazione nel Paese, confermata dalle elezioni per la Camera e parte del Senato. Del nuovo capo dello Stato si parla già come di ‘lame duck president’, l’anatra zoppa, sul fronte politico interno. Più facile che si faccia notare nel mondo: già ha promesso di reintegrare gli Usa negli Accordi di Parigi sul clima, dai quali l’America è ufficialmente fuori per volere di Trump.

Secondo alcuni organi di stampa americana, Joe Biden è sopravvissuto ad una campagna elettorale estenuante e ad una vittoria respinta dalle contestazioni legali di Donald Trump.

Molto probabilmente entrerà alla Casa Bianca il 20 gennaio 2021 e forse si chiederà se il premio che ha cercato per così tanto tempo sia un calice avvelenato. Il presidente Biden, come dicevamo, entrerà in carica in piena escalation di una pandemia mortale, anche se la notizia del vaccino che potrà combattere il coronavirus crea molte aspettative di vita agli stessi americani. Si troverà di fronte a forti diseguaglianze economiche, sarà ostacolato da un governo diviso, da una magistratura ostile, da una burocrazia federale indebolita e da un populismo trumpico persistente tra l’opinione pubblica.  

I membri repubblicani del Congresso hanno ampiamente superato le aspettative nelle elezioni e non vedranno alcuna ragione per un compromesso. I repubblicani mantengono la loro maggioranza al Senato, possono e cercheranno di minare l’amministrazione Biden, per creare le condizioni per un contraccolpo antidemocratico nelle elezioni di metà mandato del 2022. Ma non solo molte delle nomine di Biden affronteranno certamente l’ostilità del Senato controllato dai repubblicani. Alcuni analisti politici americani sostengono che i repubblicani probabilmente non gli negheranno un segretario di stato o un procuratore generale, ma si assicureranno che il ramo esecutivo sia a corto di personale. Non avendo subito alcuna punizione elettorale per le loro tattiche di duro lavoro sulle nomine giudiziarie, bloccheranno e ritarderanno tutte le conferme dei giudici federali.

Il presidente Biden dovrà affrontare ostacoli formidabili. Con la nomina e la conferma di Amy Coney Barrett, voluta da Trump, una settimana prima delle elezioni, i repubblicani godranno di una maggioranza di 6 a 3 su una Corte Suprema che già dagli anni ’30 propendeva più a destra di qualsiasi altra Corte. La Corte di oggi continuerà a promuovere i valori socialmente conservatori, come ha fatto negli ultimi vent’anni. Anche se Biden riuscirà a far passare una legislazione progressista attraverso un Congresso diviso, si troverà comunque ad affrontare la prospettiva che la Corte la colpisca. In effetti, la Corte potrebbe finalmente dare un colpo di grazia al “Affordable Care Act”, la riforma voluta da Obama che garantisce un livello minimo di assicurazione sanitaria a tutti i residenti degli Stati Uniti.

Nell’ambito del potere esecutivo il nuovo presidente americano dovrà riorganizzarsi per affrontare alcune  perdite nelle Agenzie federali di personale qualificato nell’era Trump, e da  una forte ostilità  della  magistratura, tutto questo renderà molto difficoltoso al presidente Biden di poter esercitare, da subito, pieni poteri . Gli sforzi per rimediare ai danni che Trump ha fatto alle norme ambientali, sanitarie e di sicurezza, e tutti i cambiamenti saranno accolti con lo scetticismo giudiziario dei giudici federali nominati dai repubblicani – e specialmente da quelli nominati dallo stesso Trump.

Allo stesso modo, tutti gli sforzi per riformare l’immigrazione o affrontare il cambiamento climatico (sul modello di Obama) riceveranno una gelida accoglienza alla Corte. Biden erediterà una sostanziale autorità legale per prendere misure per contenere la pandemia; ma i giudici nominati da Trump faranno marcia indietro quando tale autorità entrerà in conflitto con la libertà religiosa e i diritti di proprietà, come hanno già fatto quando i governatori hanno emesso ordini simili.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*