7 Dicembre 2022 8:15
HomePrimo PianoCOP27: Cooperazione multilaterale per evitare la catastrofe ambientale.

COP27: Cooperazione multilaterale per evitare la catastrofe ambientale.

COP27: Cooperazione multilaterale per evitare la catastrofe ambientale.

Gli sforzi per promuovere un coordinamento multilaterale per mitigare i rischi climatici sono molto probabilmente destinati a fallire, anche per l’acuirsi di tensioni politiche e la rivalità tra Cina e Stati Uniti.

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27) che si è tenuta recentemente in Egitto evidenzia il crescente consenso sulla necessità di una cooperazione multilaterale per evitare la catastrofe ambientale. Ma con l’acuirsi delle tensioni geopolitiche e l’inasprirsi della rivalità tra Stati Uniti e Cina, tali sforzi sembrano destinati a fallire. Alcuni esperti sostengono, tuttavia,  che  una corsa globale a sovvenzionare le energie rinnovabili potrebbe incoraggiare lo sviluppo di tecnologie sostenibili a basso costo, innescando una rivoluzione verde del XXI secolo.

Secondo il ricercatore della Brown University, Arvindn Subranian la buona notizia è che il consenso potrebbe essere sbagliato: La mancanza di cooperazione multilaterale non è necessariamente fatale per la causa del clima. I quadri esistenti per il coordinamento internazionale sono comunque obsoleti e la concorrenza tecnologica, alimentata dall’Inflation Reduction Act (IRA) degli Stati Uniti, potrebbe rivelarsi un motore più potente dell’innovazione, assicurando che la lotta contro il cambiamento climatico continui a ritmo sostenuto.

Joe Biden

Finora, il quadro principale per promuovere la cooperazione multilaterale sui cambiamenti climatici si è basato sul principio del “cash for cuts”, in base al quale i Paesi sviluppati offrono aiuti finanziari per convincere i Paesi in via di sviluppo ad avviare ambiziosi sforzi di decarbonizzazione. Ma questo approccio non è più credibile, dato che la comunità internazionale non ha rispettato gli impegni finanziari assunti e non mostra segni di miglioramento.

Peggio ancora, il paradigma “cash for cuts” si basa su un doppio standard. Mentre ai Paesi a basso reddito si chiede di ridurre le emissioni, i Paesi ricchi aumentano la loro dipendenza dai combustibili fossili, soprattutto dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Inoltre, la tassa alle frontiere prevista dall’Unione Europea sulle importazioni ad alta intensità di carbonio punirebbe di fatto i Paesi a basso reddito in Africa e altrove, limitando la loro transizione verso l’energia pulita. Il meccanismo di aggiustamento delle frontiere del carbonio dell’UE impone essenzialmente le politiche del mondo sviluppato ai Paesi più poveri, il che equivale all’imperialismo climatico.

Fortunatamente, i rapidi progressi tecnologici hanno ridotto drasticamente il prezzo delle energie rinnovabili, rendendo la decarbonizzazione a portata di mano. Per questo motivo alcuni Paesi in via di sviluppo, in particolare l’India e la Cina, si sono impegnati in massicci programmi di energia rinnovabile nell’ultimo decennio.Tuttavia, data la necessità di ingenti investimenti in infrastrutture per le energie rinnovabili e i costi di stoccaggio già elevati, la transizione verso un’economia a zero emissioni non è ancora finanziariamente sostenibile. Inoltre, la transizione spiazzerebbe milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo che si guadagnano da vivere con i combustibili fossili, comportando enormi costi di adattamento. Sottovalutare questi costi o credere che i problemi si risolveranno da soli è un’altra forma più sottile di imperialismo climatico.

Sebbene la cooperazione multilaterale nella lotta al cambiamento climatico sembri improbabile, la nuova IRA americana potrebbe cambiare le carte in tavola a livello globale. Sovvenzionando la ricerca e lo sviluppo delle energie rinnovabili, eviterebbe la necessità di meccanismi onerosi e iniqui di tassazione del carbonio. Inoltre, tali misure contribuirebbero a creare una nuova narrativa di speranza, incentrata sulla mitigazione del cambiamento climatico attraverso l’innovazione tecnologica e l’aumento dell’offerta, piuttosto che sui sacrifici e sulla riduzione della domanda. Come gli Stati Uniti, sono pochi i Paesi in via di sviluppo che possono “tassare” le proprie emissioni.

Xi Jinping

L’IRA potrebbe anche aiutare i Paesi a basso reddito a ridurre i costi della decarbonizzazione, incoraggiando la diffusione di tecnologie come le batterie a basso costo e la cattura e lo stoccaggio del carbonio. Nel libro di •”Greenprint” l’autore sostiene che facendo un maggiore uso di queste tecnologie, i Paesi in via di sviluppo potrebbero soddisfare il loro fabbisogno energetico senza aumentare le emissioni climatiche globali. L’IRA è essenzialmente una politica commerciale e industriale protezionistica. In quanto tale, potrebbe scatenare una corsa agli armamenti internazionale di sussidi alle energie verdi. Ma questo potrebbe essere un bene. Una guerra globale dei sussidi potrebbe stimolare l’innovazione tecnologica, facendo potenzialmente scendere il prezzo delle energie rinnovabili. Inoltre, potrebbe fare per le nuove tecnologie quello che i sussidi cinesi per il fotovoltaico hanno fatto per l’industria globale dell’energia solare. Come molti hanno avvertito, l’IRA non è priva di rischi. La legge firmata dal Presidente Joe Biden lega molti dei suoi sussidi e incentivi alla produzione e alla ricerca negli Stati Uniti e nel Nord America. Si tratta quindi di ciò che l’Organizzazione Mondiale del Commercio chiama “requisiti di contenuto locale”. L’UE, uno dei maggiori partner commerciali dell’America, si è lamentata di questa barriera al commercio.

Ma, data l’urgenza della minaccia esistenziale posta dal cambiamento climatico, una corsa globale a sovvenzionare le tecnologie chiave sembra una caratteristica, non un difetto. Nella misura in cui una corsa ai sussidi globali potrebbe rendere l’energia pulita finanziariamente sostenibile, risparmierebbe ai Paesi ricchi la farsa di impegnarsi a fornire ai Paesi più poveri trilioni di dollari che non sono in grado di raccogliere.

Infine, una simile gara potrebbe contribuire a risolvere le rimostranze dei Paesi in via di sviluppo sull’ipocrisia climatica del mondo ricco. Ridurre i costi delle energie rinnovabili sarebbe un bene pubblico globale fornito dai Paesi sviluppati – presupponendo, ovviamente, che qualsiasi nuova tecnologia emerga sia liberamente disponibile. L’ineguale diffusione globale dei vaccini COVID-19 dovrebbe ricordarci che la semplice invenzione di nuove tecnologie non garantisce una distribuzione equa.

La rivoluzione verde degli anni ’60, quando i Paesi industrializzati hanno ridotto significativamente la fame e la povertà globale introducendo colture ad alto rendimento in tutto il mondo in via di sviluppo, è un modello utile per distribuire tecnologie rinnovabili a basso costo e non proprietarie. Ma per realizzare una rivoluzione verde nel XXI secolo, il mondo deve superare le discussioni stantie e divisive su quali siano i Paesi responsabili della minaccia climatica.

Date le attuali rivalità geopolitiche, gli sforzi per rafforzare la cooperazione multilaterale sul cambiamento climatico rischiano di essere inutili. Ma il progresso tecnologico competitivo, anche se promosso da politiche protezionistiche, potrebbe salvare il pianeta.

Share With:
No Comments

Leave A Comment