Scoperto in Mexico il più antico sito Maya 

La rivoluzionaria tecnologia del LIDAR ha permesso di scoprire il complesso cerimoniale di Aguada Fenix, che risale al 1000 a.C.

C’è stato un tempo in cui fare archeologia Maya in America Centrale consisteva essenzialmente nel camminare per ore, giorni, settimane, dietro un uomo che sgombrava un sentiero con un machete nella foresta pluviale del Messico, Belize o Guatemala. I siti erano squadrati con grandi tagli e toppe a gomito; gli studiosi cercavano, per anni, di indovinare quali strutture fossero sepolte sotto il terreno leggendo le irregolarità del terreno. Poi è arrivata la rivoluzione LIDAR (acronimo dall’inglese Light Detection and Ranging)

Il LIDAR è un dispositivo trasportato in un aereo che funziona secondo lo stesso principio del radar, ma sostituendo le onde radio con impulsi laser. Gli impulsi laser vengono riflessi dal terreno e restituiti al mittente, e la topografia della zona può essere ricostruita con grande precisione, eliminando letteralmente ogni traccia di vegetazione. Deforestazione virtuale e stripping al servizio dei Maya.

Da diversi anni ormai, molte strutture sono apparse sui loro schermi. Gli ultimi sono stati descritti alcuni giorni fa in uno studio pubblicato da Nature. Il team internazionale guidato da Takeshi Inomata (Università dell’Arizona) ha “spazzato” un’area di oltre 800 km2 e ha individuato una ventina di siti. Il più impressionante di questi, su cui si concentra il suo articolo, è l’immenso complesso cerimoniale presso il sito di Aguada Fenix nello stato messicano di Tabasco, a sud-ovest della penisola dello Yucatan.

Sul rilievo LIDAR, un’enorme piattaforma artificiale, a 10-15 metri sul livello del mare, salta fuori sul sito. È orientata quasi in direzione nord-sud, lunga più di 1.400 metri e larga quasi 400 metri. Piccole ali sono fissate su entrambi i lati della piattaforma, e due rampe con carreggiate ad ogni estremità. Sul lato ovest di questa piattaforma appaiono dei quadrati e altre vie di comunicazione.

La sorprendente scoperta arriva con un’altra grande sorpresa. Secondo la datazione effettuata dagli autori dello studio, in particolare sulla base dell’analisi del carbonio 14, la costruzione della grande piattaforma sarebbe iniziata intorno all’anno 1000 a.C., se non addirittura prima.

Sebbene trovi “noiosa” la tendenza delle riviste scientifiche a concentrarsi sulla costruzione più grande, più alta o più antica, Philippe Nondédéo, ricercatore del Laboratorio di Archeologia delle Americhe, ammette prontamente che lo studio “è molto interessante”, e che spinge ancora un po’ più indietro l’inizio dell’architettura monumentale Maya. Takeshi Inomata ha già lavorato sul sito di Seibal, datato 950 a.C.

Anche se il sito di Aguada Fenix si trova in quella che è considerata l’area Maya, ci si chiede se i costruttori del complesso fossero già Maya. Non potrebbero essere state popolazioni affiliate agli Olmechi, il cui territorio non è molto lontano? Nonostante abbiano iniziato gli scavi, gli archeologi non hanno ancora scoperto alcuna scultura, se non quella che sembra molto simile alla rappresentazione di un pecari, un animale imparentato con il maiale.

Gli autori dello studio, tuttavia, assicurano che le ceramiche da loro trovate differiscono da quelle prodotte nei territori olmechi e assomigliano a quelle trovate a Seibal. Philippe Nondédéo, dal canto suo, “avrebbe voluto vedere il materiale ceramico, che sarebbe stato il più antico della zona Maya. L’articolo non fornisce foto o disegni, anche se si tratta di informazioni molto importanti su queste prime occupazioni”.

L’archeologo francese distingue tuttavia un elemento interessante per decidere sulla cultura in atto ad Aguada Fenix: “Lo studio menziona la presenza di ossidiana degli altipiani del Guatemala. Questa regione sarà la fonte di ossidiana per tutti i periodi Maya”. “È come se si fosse stabilito un modello che sarebbe durato per tutta l’esistenza della civiltà Maya, mentre gli Olmechi scelsero il Messico come fonte di questa roccia vulcanica”.

Anche se si tratta di uno strumento rivoluzionario, il LINDAR non può fare miracoli e non dice tutto. In particolare, non consente di “leggere” dove avrebbero potuto vivere le persone che hanno costruito questa colossale piattaforma, per la quale si sono mosse tra i 3,2 e i 4,3 milioni di metri cubi di argilla e terra. Gli autori dello studio ipotizzano uno stile di vita per gli abitanti che combini la coltivazione del mais e la mobilità dei cacciatori-raccoglitori-pescatori. Questo nomadismo lascia Philippe Nondédéo molto scettico: “Le informazioni di cui disponiamo – afferma Nondédéo – indicherebbero il contrario. L’analisi delle pietre di macinazione e dell’amido dice che abbiamo una base di mais significativa. A nord, una strada si estende per diversi chilometri e gli edifici sono sottoposti a regolare manutenzione. Abbiamo anche questa piattaforma monumentale, costruita in un periodo di tempo piuttosto breve. Si sta mettendo in atto un sistema, sta emergendo una società che va oltre il quadro di una società nomade. Vediamo troppi investimenti perché non ci sia una popolazione sedentaria”.

Se le abitazioni non compaiono, è probabilmente perché non sono state fatte in materiale duro, di pietra, ma piuttosto di materiali deperibili che non lasciano tracce.

Nonostante questa mancanza di indizi sulla vita quotidiana della popolazione, l’analisi del sito di Aguada Fenix ci permette di fare alcune ipotesi sulla società che vi si è creata. Takeshi Inomata e i suoi colleghi scrivono che, a differenza dei centri Olmechi, “Aguada Fenix non presenta un chiaro indicatore di marcata disuguaglianza sociale, come le sculture che rappresentano persone di alto rango”. Né è stata identificata una struttura simile a un tempio o a un palazzo.

Un’altra notevole assenza è la struttura piramidale generalmente associata alle dinastie reali Maya. Da qui nasce l’idea di una monumentale orizzontalità associata alla vita comunitaria. La piattaforma sarebbe principalmente un luogo di incontro, di rituali legati alla terra e all’agricoltura. Un’architettura con uno scopo pubblico, per così dire.

Al contrario, in seguito, la verticalità sarà il simbolo di una società altamente gerarchica e inegualitaria. In ogni città-stato Maya, il fondatore della dinastia ha innalzato (letteralmente e figurativamente) la sua tomba. Per ribadire che facevano parte del suo lignaggio, i suoi successori vi costruirono sopra le loro case, in un insieme di piramidi che si incastrano l’una nell’altra come bambole russe. L’accesso a queste piramidi era controllato e riservato all’élite.

Il sito di Aguada Fenix non ha visto nulla di tutto questo processo di appropriazione e dirottamento di una struttura comunitaria da parte del potere reale. Dopo un’esistenza relativamente breve, fu abbandonata per ragioni sconosciute, intorno al 750 a.C.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*