Francia e Germania: rifondiamo l’Europa

Vertice  Parigi dove il presidente Macron e la Cancelliera Merkel promettono di definire una vera e propria tabella di marcia per ricostruire L’Europa. E l’Italia sta a guardare….

 

Arriverà una “tabella di marcia chiara e ambiziosa entro giugno” per ricostruire l’Unione europea. A prometterla sono stati Emmanuel Macron e Angela Merkel, dopo il loro incontro a Parigi. “E’ il nostro compito entro giugno: sulla zona euro, sui migranti, la politica di difesa, il commercio, la ricerca, l’istruzione, ci proporremo una chiara, ambiziosa  tabella di marcia per la rifondazione” della Ue, ha detto il presidente francese, che ha ricevuto all’Eliseo la cancelliera al suo primo viaggio all’estero, dopo il giuramento per il quarto mandato. Emmanuel Macron ha sottolineato “la responsabilità estremamente importante” che hanno Parigi e Berlino “in un momento in cui le tensioni internazionali stanno crescendo”.  “Contesto europeo scosso dalla Brexit e dalle elezioni italiane”  Macron ha avvertito che l’impegno per riformare l’Ue è ancora più urgente alla luce della Brexit e delle elezioni italiane che hanno evidenziato una crescita di posizioni estreme. “Il lavoro che ci aspetta”, ha detto il titolare dell’Eliseo, “è importante in un contesto europeo profondamente scosso dalla Brexit e dalle elezioni italiane che hanno visto crescere posizioni estreme e che ci hanno permesso di toccare con mano le conseguenze di una lunga crisi economica e le sfide migratorie a cui non abbiamo saputo rispondere”.  Merkel: l’Europa agisca in modo unitario “Abbiamo la volontà di farcela e ce la faremo”, ha detto la cancelliera tedesca. “E’ più che mai necessario che l’Europa agisca unitariamente in una situazione geopolitica in cui il multilateralismo è sotto pressione”.  “Non abbiamo sempre avuto le stesse idee, ma Francia e Germania hanno ottenuto tanti risultati nel passato. Ora dobbiamo e vogliamo trovare percorsi comuni”, ha sottolineato Merkel, con particolare attenzione alla politica migratoria. “Avere regole diverse tra gli Stati membri – ha sottolineato – non è mai a nostro vantaggio. Dobbiamo proteggere le nostre frontiere esterne. Abbiamo bisogno di una strategia comune in Africa”. Ex spia russa, Macron e Merkel: valutiamo reazione adeguata  Il presidente francese e la cancelliera tedesca hanno ribadito la totale solidarietà al Regno Unito per il caso Skripal. “Condanniamo l’ingerenza russa”, ha detto Macron: “Tutto porta a credere che sia stata la Russia a condurre questo tentativo di assassinio” sul suolo britannico. “Sono in molti a pensare che la Russia sia responsabile ed è bene che il governo britannico abbia posto questo problema sul scala internazionale”. “E’ una situazione estremamente difficile”, studieremo “insieme la reazione più appropriata”.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*