3 Febbraio 2023 13:34
HomePrimo PianoStrategia globale per uscire dal Covid-19

Strategia globale per uscire dal Covid-19

Strategia globale per uscire dal Covid-19

La pandemia COVID-19 rappresenta una minaccia senza precedenti sia per la salute pubblica che per l’economia globale. Solo abbandonando la retorica e le politiche nazionaliste, e abbracciando una più forte cooperazione internazionale, i governi possono proteggere le persone che affermano di rappresentare.

Purtroppo, almeno per ora, predominano le risposte nazionaliste. Accanto a coprifuoco, serrate e requisizioni, i governi stanno chiudendo le frontiere e usano la retorica bellica per radunare le loro popolazioni. Le catene di approvvigionamento e il commercio globale vengono interrotte non solo dalle serrate, ma anche dalla concorrenza dei paesi ricchi per le forniture.

Presto, tuttavia, i governi dovranno riavviare l’economia globale. E questo richiederà la cooperazione internazionale in diversi settori chiave.

Il primo elemento cruciale di una strategia di uscita da COVID-19 è il test di massa (sia per l’infezione che per l’immunità), in modo che le persone sane possano tornare al lavoro e quelle infette possano ricevere cure adeguate. A tal fine, i Paesi avranno bisogno di forniture adeguate di kit di test e di attrezzature protettive, e di accesso ai trattamenti emergenti. Ma pare che la cooperazione internazionale lasci molto a desiderare.

Un fornitore primario dei tamponi utilizzati per la raccolta di campioni rinofaringei, Copan, ha sede nel Nord Italia. I reagenti utilizzati per estrarre RNA virale dalle cellule raccolte sono prodotti principalmente da Qiagen, un’azienda tedesca con una complessa catena di fornitura globale. E le aziende straniere producono circa la metà dei ventilatori negli Stati Uniti; un terzo proviene dall’Europa.

Eppure, mentre i governatori degli Stati Uniti si contendono l’uno contro l’altro i ventilatori che scarseggiano, alcuni governi europei ne vietano l’esportazione. E un ministro del governo britannico ha detto che l’incapacità del paese di procurarsi i reagenti necessari sta rallentando i test.

La soluzione consiste nell’aumentare la cooperazione nella produzione e nella distribuzione, utilizzando le catene di fornitura globali nel modo più efficace possibile e mettendo in comune le risorse e le attrezzature in modo che possano essere assegnate man mano che la loro necessità si sposta da un paese all’altro. La Cina, ad esempio, sta donando ventilatori agli Stati Uniti e sta esportando maschere.

Una seconda componente di una strategia di uscita è la sorveglianza e il controllo efficace delle malattie. È vero che molti paesi si oppongono alla sorveglianza online del tipo usato in Cina e in Corea del Sud. Ma poiché la ricerca manuale dei contatti richiede troppo tempo, è difficile immaginare una strategia di uscita che non includa applicazioni a questo scopo.

Infatti, un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Oxford suggerisce che le applicazioni di tracciamento possono essere efficaci nel ridurre i tassi di infezione, anche quando solo il 60% della popolazione le adotta. Le società occidentali devono quindi imparare dai successi della Cina e della Corea del Sud e bilanciare i timori di aumentare la

capacità di sorveglianza dei propri governi contro i danni che le persone subiscono a causa dell’isolamento.

I Paesi esitanti dovrebbero cooperare rapidamente per adattare gli strumenti di sorveglianza alla necessità di proteggere i diritti civili. Ciò richiederà una supervisione trasparente, chiari principi di equità (compresa la parità di accesso e di trattamento), una solida protezione dei dati e verifiche degli algoritmi utilizzati.

In terzo luogo, una strategia di uscita globale COVID-19 sarebbe più sicura con un vaccino efficace. Fortunatamente, la cooperazione scientifica internazionale sta accelerando i progressi verso lo sviluppo di un vaccino. Ricercatori in Cina, Stati Uniti ed Europa stanno condividendo le sequenze del genoma virale, mentre i medici dell’Università di Harvard, dello Xijing Hospital di Xi’an, in Cina, e dell’Italia settentrionale stanno lavorando sui trattamenti, e i migliori virologi stanno condividendo i risultati delle conference call dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e li stanno inserendo in archivi online come medRxiv e bioRxiv.

Sarà anche necessaria la cooperazione internazionale per garantire che un vaccino sia distribuito a livello globale. Nei giorni scorsi, le autorità cinesi hanno segnalato nuovi casi di COVID-19 che sono stati “importati” da altri Paesi, mentre alcuni esperti in Europa e Nord America stanno già prospettando una seconda ondata del virus.

Share With:
No Comments

Leave A Comment