3 Febbraio 2023 13:51
HomeTerza FilaBistrotLocanda Severino tra Bizantini,Templari e…

Locanda Severino tra Bizantini,Templari e…

Locanda Severino tra Bizantini,Templari e…

Un artista è chi sa far bene una cosa. Cucinare, per esempio”, recita la frase di Andy Warhol

Daniele e Giuseppe

 Caggiano riserva  doni e sorprese. Imperdibile una sosta serale alla Locanda Severino, nell’antico palazzo Cafaro recentemente ristrutturato, nella suggestiva piazzetta del Re Galantuomo. “Un artista è chi sa far bene una cosa. Cucinare, per esempio”, recita la frase di Andy Warhol che introduce il sito internet della Locanda. Lo sanno perfettamente lo chef Giuseppe Brancati e il sommelier Daniel Bianculli, che offrono un percorso degustativo davvero gourmet, che associa armonicamente la qualità dei migliori prodotti del territorio con una creatività e una classe di altissimo livello. In una cornice calda e raffinata, che coniuga con gusto l’antico, il moderno e il legame con la migliore cultura locale (alle pareti del ristorante i bei Pulcinella dell’artista salernitano Fausto Lubelli), la notte e il successivo risveglio trascorrono in camere ampie e accogliente, comodi letti, suggestivo silenzio e una vista sulla vallata scoscesa, forse attraversata – se sarete fortunati come lo siamo stati noi – da un magnifico arcobaleno circolare. Forse il viaggio proseguirà dopo questa giornata a Caggiano, ma certamente il cuore e la mente non saranno più gli stessi. 

Marina Geat

Share With:
No Comments

Leave A Comment